Recherche Fr menu fr ClientConnect
Recherche
Résultats
5 premiers résultats de la recherche Voir tous les résultats Recherche avancée
Recherches les plus fréquentes
Pages les plus visitées

    Il Consiglio di amministrazione ha il potere esclusivo di decidere in merito alla concessione di finanziamenti, in particolare sotto forma di crediti e di garanzie, e alla conclusione di prestiti. Oltre a controllare la sana amministrazione della Banca, assicura la conformità della gestione della Banca con le disposizioni dei Trattati e dello Statuto e con le direttive generali stabilite dal Consiglio dei governatori. Il Consiglio di amministrazione è composto di ventotto amministratori e di trentuno sostituti. Sono nominati dai Governatori per un periodo di cinque anni con un mandato rinnovabile. Ciascuno Stato membro designa un amministratore, e uno dalla Commissione. I sostituti sono designati dagli Stati membri in ragione della loro quota di capitale e dell’accordo di circoscrizione. La Commissione designa un sostituto.

    Inoltre, per ampliare le competenze professionali del Consiglio di amministrazione in alcuni ambiti, il Consiglio coopta un massimo di sei esperti (tre in qualità di membri e tre in qualità di sostituti), che partecipano alle sedute del Consiglio a titolo consultivo, senza diritto di voto.

    Le decisioni sono prese a maggioranza di almeno un terzo dei membri del Consiglio aventi voto deliberativo che rappresentino almeno il 50% del capitale sottoscritto oppure, in settori chiaramente definiti, con una maggioranza qualificata di almeno diciotto voti favorevoli, che rappresentino almeno il 68% del capitale sottoscritto.

    Il o la Presidente del Comitato direttivo, oppure in sua assenza un o una Vicepresidente del Comitato direttivo, presiede le sedute del Consiglio d'amministrazione senza partecipare alle votazioni.

    Informazioni chiave:

     

      Amministratore Sostituto
    Germania Elke KALLENBACH

    Susanne BLOMENHOFER
    Hendrik KAELBLE

    Francia Posizione vacante Pierre-Marie VOEGELI
    Quentin NAVARO AUBURTIN
    Italia Francesca UTILI Francesca MERCUSA
    Bianca GIANNINI
    Spagna Enrique RUIZ DE VILLA SAIZ Isabel GARAYO ORBE
    Portogallo Filipe CARTAXO Rosa CAETANO
    Belgio Hans D’HONDT Ludivine HALBRECQ
    Lussemburgo Arsène JACOBY Miguel MARQUES
    Paesi Bassi Robin UYTERLINDE Jan de BOER
    Croazia Davor ZORIČIĆ Ines ŠPIRIĆ
    Ungheria Levente SIPOS-TOMPA Ildikó ZÁTROK
    Polonia Tomasz SKURZEWSKI Maciej TABACZAR
    Danimarca Julie SONNE Håkon Ugletveit JAHR
    Irlanda Desmond CARVILLE Michael TAGGART
    Grecia Michael ARGHYROU Charilaos LAMBROPOULOS
    Romania Mihai-Calin PRECUP Boni Florinela CUCU
    Estonia Martin PÕDER Riina LAIGO
    Lettonia Armands EBERHARDS Aija ZITCERE
    Lituania Darius TRAKELIS Jurgita UZIELIENE
    Austria Karin RYSAVY Christian REININGER
    Finlandia Kristina SARJO Anne af URSIN
    Svezia Anna BJÖRNERMARK Erika CARLSSON
    Bulgaria Metodi METODIEV Gergana BEREMSKA
    Cechia Petr PAVELEK Radek HŘEBÍK
    Cipro Costas CONSTANTINIDES Eleni PITTA
    Malta Martin SPITERI Joseph LICARI
    Slovenia Aleš ŠKOBERNE Martin ZDOVC
    Slovacchia Martin POLÓNYI Peter FRÖHLICH
    Commissione europea Elena FLORES GUAL Saila VALTONEN
    Experts Joes LEOPOLD
    Olivier BAILLY
    Esther RECKTENWALD
    Giorgio GOBBI
    Mr Antonio OPORTO
    Posizione vacante

     

    *I colori delle righe indicano le diverse circoscrizioni dei paesi nel Consiglio di amministrazione della BEI.

    Esamina le questioni strategiche derivanti dalle partecipazioni azionarie dirette e indirette detenute o acquisite dalla BEI.

    Discute e fornisce consulenza al Consiglio di amministrazione in merito alle politiche sui rischi della Banca, comprese quelle pertinenti agli aspetti riguardanti il Gruppo BEI.

    Discute le proposte e formula raccomandazioni sulle questioni relative al bilancio e alle retribuzioni del personale in preparazione ai successivi dibattiti e decisioni.

    Il Gruppo consultivo del Consiglio di amministrazione fornisce pareri non vincolanti al Consiglio sulle proposte di finanziamento che riguardano attività al di fuori dell'Unione europea.